Quando di parla di contratti di locazione va sempre prestata forte attenzione al deposito cauzionale da parte dell’inquilino, meglio conosciuta come cauzione. Tale deposito è una forma di garanzia per il proprietario o il locatore dell’immobile, il quale, grazie al versamento di una somma da lui stabilita, tutela sé stesso e l’immobile da eventuali danni causati dall’inquilino (danni ai mobili presenti nella casa, alla tappezzeria, agli infissi etc) o mancati pagamenti dei canoni mensili concordati o degli eventuali costi relativi alle utenze, precedentemente stabiliti e pattuiti secondo contratto.

Il deposito cauzionale non può essere, però, utilizzato per il pagamento dei costi relativi alla disdetta prematura del contratto, con risoluzione immediata: la recessione da contratto d’affitto, infatti, prevede un pagamento di una tassa pari a circa 67 euro da versare all’Agenzia delle Entrate.

In caso di risoluzione prematura del contratto non è, inoltre, possibile utilizzare la somma versata per la cauzione per coprire i costi delle mensilità rimanenti; la somma, infatti, andrà restituita solo al momento della risoluzione del contratto, in modo da verificare personalmente l’assenza di eventuali danni.

Alla scadenza del contratto, dunque, il locatore provvederà alla restituzione dell’intera somma del deposito cauzionale al locatario, solo dopo essersi accertato di non aver subito alcun tipo di danno all’immobile.

Secondo quanto stabilito dalla legge, il deposito cauzionale richiesto non può superare la somma pari a tre delle mensilità richieste per il canone d’affitto mensile; ciò non vieta, dunque, al locatore di richiedere due sole mensilità, o addirittura solo una di esse. È tutto a discrezione del proprietario.

La somma prevista per il pagamento della cauzione può essere versata in tre differenti modi: attraverso versamento in contanti; tramite una garanzia assicurativa, bancaria o fidejussoria; o, se l’importo è inferiore ai 1000 euro, mediante un libretto di risparmio postale o bancario al portatore.

Per evitare problematiche, agli inizi del rapporto di locazione, ovvero quando viene effettuata la consegna dell’immobile, è quantomeno opportuno redigere un verbale di consegna, in cui vengono accuratamente descritte le condizioni in cui si trova l’immobile e gli eventuali danni già presenti.

Ciò permette al proprietario di verificare con più facilità le condizioni dell’immobile a fine contratto, quando si dovrà nuovamente effettuare un sopralluogo in cui verrà redatto un nuovo verbale di consegna, al cui interno si dovranno evidenziare tutti gli eventuali danni apportati al locale, quantificando la somma che è necessaria trattenere dalla cauzione.

Nel caso in cui l’immobile venisse acquistato da un nuovo proprietario durante il periodo di locazione, il nuovo acquirente sarà tenuto a subentrare nei diritti e nei doveri del precedente contratto di locazione, dovendo, dunque, restituire la cauzione per conto del vecchio proprietario.

Lascia una risposta