Le famiglie con un disabile a carico che desiderano comprare una casa possono richiedere un mutuo a tasso di interesse agevolato. La misura, che consente di ottenere un mutuo ad un tasso molto basso non solo ai disabili, ma anche alle giovani coppie e alle famiglie numerose con almeno 3 figli a carico, si chiama Plafond Casa e nasce dalla convenzione stipulata tra Cassa Depositi e Prestiti e Associazione Bancaria Italiana.

Possono richiedere il mutuo agevolato Legge 104 soltanto le persone fisiche, non le società o gli enti in generale. Hanno la priorità per la fruizione dei benefici:

  • le giovani coppie;
  • i nuclei familiari di cui fa parte almeno un soggetto disabile;
  • le famiglie numerose.

Nel dettaglio, l’interessato può beneficiare del Plafond Casa se risulta:

  • componente di una giovane coppia, ossia di un nucleo familiare costituito da coniugi o da conviventi more uxorio che abbiano costituito nucleo da almeno due anni, in cui, alla data della domanda, almeno uno dei componenti non abbia superato i 35 anni e l’altro non superi i 40 anni di età;
  • componente di un nucleo familiare di cui fa parte almeno un soggetto disabile ai sensi della Legge 104;
  • componente di una famiglia numerosa, ossa di un nucleo familiare con tre o più figli

Le finalità del mutuo ipotecario richiesto possono essere:

  • la ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica;
  • l’acquisto di un immobile residenziale;
  • un intervento congiunto di acquisto di immobile residenziale e ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica.

Per gli interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica, o di acquisto di immobile residenziale e ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica, il richiedente deve attestare che le operazioni finanziate accrescono la prestazione energetica dell’immobile residenziale ai sensi della normativa vigente in materia di certificazione energetica degli edifici.

Per chiedere il mutuo agevolato Legge 104 occorre recarsi agli sportelli di una banca convenzionata e presentare la domanda sul modulo fornito dallo stesso istituto di credito. Gli altri documenti necessari sono il verbale Inps che attesta il diritto ad usufruire delle agevolazioni previsti dalla legge 104 e la certificazione dello stato di famiglia. Nel complesso, l’iter da seguire è in linea con quello delle normali procedure previste per l’erogazione di mutui e prestiti ordinari.

Il mutuo può ammontare:

  • fino a 100 mila euro, per gli interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica;
  • fino a 250 mila euro per l’acquisto di immobili residenziali;
  • fino a 350 mila euro per interventi congiunti di acquisto e di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica sulla stessa abitazione.

Il mutuo può avere una durata massima di:

  • 10 anni durata riservata agli interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica
  • 20 anni per l’acquisto dell’abitazione con o senza ristrutturazione
  • 30 anni per l’acquisto dell’abitazione con o senza ristrutturazione

Lascia una risposta